Antiporta

L’antiporta è una pagina figurata che generalmente precede il frontespizio. La presenza di antiporte viene riscontrata generalmente nelle Seicentine. Il libro del Seicento, da un punto di vista estetico, è caratterizzato da elaborate incisioni. L’antiporta era realizzata spesso da artisti di chiara fama. Espressione del gusto barocco, l’antiporta introduce allegoricamente il contenuto del libro, anticipandone il titolo in forma breve, magari inserendolo in un elemento figurativo come uno scudo, una stele, un basamento, un sipario. Le illustrazioni vengono realizzate tramite calcografia, un procedimento di stampa che usa matrici di rame incise in incavo. L’antiporta allegorica presente nel volume “Philologus hebraeo-mixtus, una cum spicilegio philologico, continente decem quaestionum & ...” è stata eseguita dall’incisore Jan van den Avelen.